martedì 6 marzo 2012

Appunti in ordine sparso sulla serata dedicata alla piscina

Direttamente al Centro Socio-Culturale:
  • L'amministrazione comunale è tornata in possesso delle chiavi della struttura (olè);
  • L'amministrazione comunale ha raggiunto alcuni accordi per atleti e utenti della piscina, con le piscine di Cassano Magnago e di Somma Lombardo. Durante la serata il signor Galante, gestore della piscina di Cassano, ha smentito l'esistenza di alcun tipo di convenzione con la struttura da lui gestita. "Lascio in sospeso Cassano: mi informerò" - ha garantito Melis.
  • I casi di disagio sono di tutti i tipi: il sindaco Melis si è mostrato aperto e disponibile a raccogliere le istanze di tutti, con calorosa approvazione da parte degli interessati;
  • La piscina riaprirà prima dell'estate, anzi "molto, molto prima", ha dichiarato il sindaco. Ci sono 7 società che hanno risposto a un primo bando esplorativo, al quale seguirà un secondo bando: alla società che subentrerà verrà data indicazione di reintegrare le persone che lavoravano per Swim Planet, di concedere dei trattamenti "compensativi" agli utenti danneggiati e di sistemare la struttura (in realtà non ho capito benissimo quest'ultimo punto: i costi di intervento sulla struttura da chi saranno sostenuti?);
  • Alle perplessità riguardanti l'appetibilità di un investimento con tanti paletti il sindaco ha spiegato che il pensiero imprenditoriale prevede la logica della fidelizzazione. Inoltre la piscina di Solbiate sarebbe più appetibile, "un lenzuolo bianco", rispetto ad altre presenti in zona, come Gorla, dove chi subentrerà dovrà accollarsi una parte del debito di Swim Planet.
  • L'amministrazione precedente - stando a quanto detto dal sindaco - accettò una fideiussione che era "carta straccia", modificata dall'attuale amministrazione. Sempre l'amministrazione precedente - e sempre stando a quanto detto dal sindaco - pone a mezzo stampa delle domande all'attuale sindaco su provvedimenti che avrebbe adottato lei stessa (è complicato, lo so, ma anche in questo passaggio ho capito ben poco: ciò che è rimasto è un triste spettacolino).

18 commenti:

Anonimo ha detto...

"triste spettacolino" è un cauto eufemismo:nessuna verità, solo promesse basate sul nulla.E' da Dicembre che il Sindaco enumera su tutti i giornali fantomatiche società che non vedrebbero l'ora di gestire un impianto congelato, con la vasca da rimettere in sesto, solo per un anno ( ma quale fidelizzazione?, con un affitto annuo aumentato del 50% e senza alcuna speranza di introiti per quanto riguarda: quote, abbonamenti, corsi, ingressi liberi....Infatti, quando qualcuno ieri sera ha chiesto perché il Comune non scelga questa volta di entrare nell'affare del secolo...anche solo per mantenere quel controllo che fino ad oggi proprio non c'è stato...la risposta del Sindaco è stata negativa...per non rischiare di perderci... L'unica notizia certa sarebbe stata la possibilità per gli atleti di allenarsi gratuitamente a Cassano...prontamente smentita proprio dal gestore della piscina in questione che non era mai nemmeno stato interpellato a tal proposito dal Sindaco o da un suo delegato. Bhè, grande amministratore colui che sbandiera in pubblico un accordo siglato con persone di cui ignora persino la capacità sostanziale di apporre la firma su di un documento! Ma ai cittadini di Solbiate non rimane che attendere...senza nuotare....:i 45 giorni necessari a swim planet per "liberare" l'impianto dalle proprie "cosucce", i tempi perchè il clima sempre più mite provveda allo scongelamento dei tubi dell'impianto, i tempi necessari per l'assegnazione della gestione al suicida di turno, i fondi indispensabili per rimettere a posto la piscina e renderla quantomeno usufruibile dall'utenza di Solbiate...in pratica: il miracolo di San Gennaro, in salsa insubrica....

S.C. ha detto...

Preciso solo una cosa del mio post: il passaggio "triste spettacolino" si riferisce al dialogo tra il sindaco e l'ex sindaco, sinceramente del tutto fuori luogo.

Anonimo ha detto...

concordo pienamente sulla definizione, nella fattispecie!

Dronning ha detto...

Allora, credo che dopo una sessantina di commenti su questo blog a proposito della piscina e dopo l'incontro di ieri sera penso di poter dire una cosa anche io.
Perché tutti questi simpatici anonimi imbufaliti contro il sindaco ieri sera sono stati zitti? oppure non si sono presentati che è lo stesso. Sputare sentenze su un blog senza mettere la firma e poi non prendersi la responsabilità di quello che si dice è perfettamente inutile, è poco più che buttare via del tempo. Il risultato è che il sindaco Melis ne è uscito vincitore, al di là di quello che viene scritto qui e nonostante non abbia potuto dare informazioni certe su nulla. E' questo che volevate?
L'indignazione senza partecipazione è solo carta straccia.
Ivan Vaghi

Anonimo ha detto...

oggi pomeriggio alle 16 alla Gestisport di gorla non vi era ancora pervenuto nessun nullaosta per effettuare trimestrali scontati agli utenti di solbiate.

Io inizio a incazzarmi seriamente

Matteo

Anonimo ha detto...

Le cose sono state dette, nel corso dell'assemblea. Le domande sono state poste. Il sindaco non ha dato risposte e quelle che ha dato sono state evasive o fumose. E non avrebbe potuto essere altrimenti giacché le risposte non ci sono. Chi ha voluto capire e sentire lo ha fatto ed ha tratto le sue conclusioni. Chi si aspettava il teatrino che finisse in caciara non è stato accontentato. Non avrebbe potuto esserlo. Spetta ai Solbiatesi capire con chi hanno a che fare. Certo che se chi era presente (Ivan?) ha percepito il "trionfo" di un Sindaco che non ha detto nulla al di là di promesse ritrite e mai avverate....e di certezze immediatamente smentite...il problema diventa serio, per il futuro di Solbiate....

Dronning ha detto...

Perché non mi dici chi sei? Così ne parliamo. O devo pensare che hai troppa paura per esporti?
Ivan

Anonimo ha detto...

Invece di litigare fra noi varrebbe la pena tenere sotto pressione questa Amministrazione per verificare se le promesse che ci sono state fatte verranno mantenute nei modi e nei tempi dichiarati.
Proporrei di chiedere al sindaco:
1. di esporre sul sito web del Comune ed in bacheca copia degli accordi sottoscritti con Cassano, Somma e Gorla.
2. di rendere pubblico il bando di gara.
3. una comunicazione scritta nella quale egli riassume quello che a voce ci ha detto: che la piscina aprirà prima dell'estate (20 giugno 2012? Una data, ancorchè indicativa, sarebbe auspicabile); che i lavoratori verranno reintegrati; che ci saranno trattamenti compensativi per gli abbonati (meglio esplicitare chiaramente cosa significa in pratica: tengono buoni gli abbonamenti sino alla loro naturale scadenza? Questi mesi di inattività ci verranno restituiti sotto forma di prolungamento della data di scadenza dell'abbonamento?)
Nel nostro interesse credo sia meglio occuparci di queste cose.
Francesco.

Anonimo ha detto...

Stavo per scrivere sul blog quando ho letto il post di Francesco.

Concordo e lo invito magari a fondare un comitato soprattutto per come si sta muovendo questa amministrazione a riguardo.

Io posso dire che questa mattina a Gorla ancora nessuno sapeva nulla dei prezzi concordati da non si sa chi con il sig. Sindaco di Solbiate anzi mi hanno detto che un trimestrale a 120eur come scritto ieri su alcuni giornali è impessabile e che comunque aspettano ancora che il Sindaco decida di accettare le loro proposte.
Senza il suo consenso (non capisco perchè deve decidere lui per tutti) i prezzi per gli utenti di solbiate sono quelli di listino

MariaLuisa

Anonimo ha detto...

Purtroppo la proposta di Francesco, sicuramente apprezzabile, non porterà a molto perché:
1) non esiste alcun accordo tra il comune di solbiate e somma. esiste una lettera d'intenti in cui l'attuale gestore di Somma s'impegna a far nuotare gratuitamente gli atleti di solbiate ed a prezzi "competitivi" gli altri utenti...ma unitamente s'impegna a nome del gestore di Cassano ( il quale ha smentito categoricamente anche sulla stampa) a far nuotare gli atleti alle medesime condizioni...si tratta quindi di una lettera destituita di fondamento....Per quanto riguarda Gorla, invece, penso che la strada sia percorribile sebbene il sindaco non abbia citato, nel corso dell'assemblea, alcun accordo bensì "prezzi comunicatigli dall'impianto di Gorla"
2)il bando di gara sarà forzatamente pubblico...il fatto che ancora sul sito non sia stato pubblicato alcunché lascia desumere che il bando non sia stato presentato ( o approntato ?)
3)come il sindaco ha più volte dichiarato (anche sul sito del comune) " quest'Amministrazione porrà in essere i seguenti, primi provvedimenti:
- richiedere alla società che subentrerà alla Swim Planet un trattamento il più favorevole possibile per coloro in possesso del vecchio abbonamento;
- (...)
- per quanto riguarda i dipendenti della nostra piscina, chiederemo alla società subentrante il loro riassorbimento. "...ma non potrà costringere un privato a comportarsi di conseguenza...i suoi potranno solo essere "caldi" suggerimenti...
Ciò su cui si è sorvolato in sede di assemblea ( ma la domanda specifica è stata posta al sindaco) è lo stato in cui versa l'impianto: la vasca, le tubature, l'impianto di areazione, i filtri...e chi si accollerà tutti i costi di ripristino delle condizioni sufficienti per la sua riapertura, particolari non secondari per valutare l'attrattività di una piscina alle soglie di un bando di gara per una gestione ANNUALE! Si potrebbe forse chiedere che il Consiglio Comunale venga a conoscenza dell'esito delle perizie tecniche che SICURAMENTE il Comune ha richiesto in questa fase, dopo aver ottenuto le chiavi dal curatore....Ricordo solo che tutti questi interventi tecnici ( ed i conseguenti tempi per lo svolgimento dei lavori di ripristino), qualora necessari, sarebbero stati evitati se il sindaco fosse intervenuto prontamente ( come a somma) per evitare lo svuotamento delle vasche in pieno inverno. anche questa domanda è stata posta al Sindaco più volte: la sua risposta è sempre stata un'esortazione all'ottimismo.

Maurizio ha detto...

Buongiorno a tutti,
volevo innanzitutto rispondere ad un commento dove si dice che ci nascondiamo e non abbiamo avuto il coraggio di protestare quella sera : non e' vero, siamo stati ripresi anche da rete 55 in interviste e anche in articoli firmati su Varese news, nonostante i nostri figli abbiano un vincolo di 8 anni con Swim Planet, che non ci ha ancora lasciato libero il cartellino dei nostri figli, ed addirittura il sindaco ci vede tutti i martedi, da quando non si poteva piu' nuotare in piscina per l' acqua schifosa (novembre)ed abbiamo fatto intervenire l' ASL, NOI NON IL SDINDACO !!!!. Quindi credo che piu' di cosi'...
Quello che invece mi stupisce e' che nessuno abbia fatto niente (tranne nostre e-mails al curatore fallimentare e alla FIN - senza risposta) - contro il comportamento scorretto di una Societa' che, con permesso del curatore fallimentare, ha gestito solo temporaneamente le piscine e in quel "temporaneamente" ha continuato a fare abbonamenti annuali .... Non e' un' azione fraudolenta questa ?

Anonimo ha detto...

Piscina, promessa mantenuta?
Ricordo lo spettacolare annuncio "abbiamo detto che riaprira' entro l'estate ma vi posso anticipare che riaprira' prima, molto prima, non posso dare una data ma sara' a breve".
Come molti dei presenti mi accontentavo di vederla riaprire entro l'estate e non ho dato molto peso a quella frase anche perche' si era appena conclusa una scena imbarazzante con accordi firmati con persone che non ne avevano titolo e un eccesso di entusiasmo per il brillante risultato rendeva perdonabile una previsione chiaramente un po' troppo ottimistica.
Il 24/05 arriva il grande annuncio sul solito quotidiano informatico con titolo: "A fine giugno si torna in piscina". Leggo l'imparziale articolo e apprendo che e' ricomparso l'Assessore allo sport fino ad oggi totalmente estraneo alla vicenda e che la societa' iniziera' a fare abbonamenti da meta' giugno anche se "le incombenze tecniche relative al bando prenderanno altri 30gg" quindi fino al 24/6. Mi dico, va beh, aspettero' settembre, si sa mai...
Cio' che attira la mia attenzione e' la frase "occorrera' attendere almeno 40 (quaranta) giorni prima di poterla utilizzare". Io che sono un ragazzo di paese, prendo il mio calendario, conto 40 giorni a partire dal 24/5 e arrivo al 3 luglio, ergo, il titolo del pezzo contiene un "involontario" refuso.
Capita, mica siamo qui tutti a contare i giorni, accidenti!
Mi spaventa di piu' la parte dove si scaricano tutte le decisioni dei lavori alla societa' che gestira' la piscina e al curatore fallimentare.
Le assicurazioni sul fatto che "avranno il nostro fiato sul collo" mi fanno stare tranquillo, i soli 10gg per tutti i lavori mi lasciano perplesso, i continui cambi di destinazione dell'attuale voragine a fianco della piscina mi lasciano basito. Prima avevamo bisogno di una nuova vasca, poi i campi da tennis sono stati una perdita troppo importante e vanno ripristinati assolutamente anche perche' una seconda vasca non ha senso. Oggi pensiamo a una piscina scoperta. Io come utilizzatore mi auguro rendano davvero fruibile quella attuale anche perche' il confronto con quella di Gorla e' impietoso. Faccio i miei migliori auguri di buon lavoro alla nuova societa' sperando realizzino i lavori necessari per riportare agli antichi fasti la nostra cara piscina.

Anonimo ha detto...

L'assessore allo sport era troppo impegnato a brindare la conversione del suo terreno in residenziale.
E le persone di Solbiate hanno gia dimenticato la piscina felici di non pagare l'Imu sulla prima casa dimenticandosi che due anni fa proprio l'amministrazione Melis ha aumentato l'addizionale Irpef.

Lo sperpero di soldi (anche se probabilmente sponsorizzati) dell'iniziativa Echi in Valle potevano essere spesi socialmente e culturalmente in modo diverso.
una volta qualcuno parlava di salamini (a offeta libera), oggi si sono rinnovati in buffet (gratis per tutti)

Prossima promessa? :

incassare la fideussione di 1 milione di euro!

Lorenzo

Anonimo ha detto...

Leggendo la delibera 238/a del 18/05/2012 mi salta all'occhio che sono state solo due (n°2) le società interessate alla nuova gestione della piscina di solbiate e non sette (n°7) come precedente ventilato.
La società vincitrice ha avuto maggior punteggio solo e soltanto per quanto riguarda l'affitto annuale. per quanto riguarda tutte le altre garanzie ha avuto sempre un punteggio (e di molto) inferiore alla concorrente.
Le garanzie richieste erano sconti e tariffe per i residenti e uno sconto minimo del 25% a chi era gia in possesso di un abbonamento swimplanet cosa che probabilmente la nuova società non potrà mantenere.

Laura

Anonimo ha detto...

Leggendo la delibera e l'annuncio sulla stampa, sembra che la nuova societa' si sia impegnata ad effettuare uno sconto del 26% ai vecchi abbonati swim planet. Mi chiedo pero' cosa significhi la condizione indicata sul bando che indica un tempo di 20gg dalla riapertura dell'impianto natatorio per presentare la richiesta di sconto. In pratica, la Societa' aprira' le iscrizioni a meta' giugno, a quel punto avremo 20 giorni per sottoscrivere un abbonamento del quale inizieremo ad usufruirne forse a settembre pena la perdita del diritto allo sconto? Sconto da intendere solo su un abbonamento pari a quello in essere al momento del fallimento immagino, non della quota iscrizione annuale. Vedremo, per il momento pare assurdo che la clausola dei 20gg. sia stata inserita in fase di bando ma forse ci sono ragioni che non conosco. Io vorrei prima vedere come verra' sistemato l'impianto e solo poi decidere se abbonarmi di nuovo.
Alberto

Anonimo ha detto...

bhe Alberto se ti abbonavi a gorla avevi uno sconto del 50% sull'abbonamento e l'iscrizione del rinnovo gratis.

carpe diem

Anonimo ha detto...

Per quanto riguarda i corsi non agonistici purtroppo Gorla non ha praticato nessuno sconto anzi, ho pagato l'iscrizione e la quota non residente.... Probabilmente lo sconto veniva applicato su altre attivita' natatorie ma sui corsi per bambini non hanno scontato un solo centesimo.

alberto

Anonimo ha detto...

Alberto, mi riferivo ad abbonamenti ancora attivi con swimplanet stipulati a Solbiate.
Io avevo ancora 6 mesi da usufruire, pagandone altri 6 ho praticamente avuto un abbonamento per 12 mesi (quindi sconto del 50%);non ho pagato nessuna nuova iscrizione,ho solo portato il certificato medico (tra l'altro mi hanno accetato una copia avendo l'originale in mio possesso).
Ti ho riportato il mio esempio ma ti assicuro che molte altre persone abbonate a solbiate hanno fatto come me e, a tutt'oggi con lo stesso abbonamento usufruiamo una delle migliori strutture promisque della zona (piscina palestra corsi vari e zona spa)a prezzi, credimi, veramente concorenziali.
Il corso per bambini non è un abbonamento ma un pacchetto di ore quindi anch'io avendo una bambina non residente ho dovuto pagare tutto.
ti assicuro però che sia i bambini che gli adulti iscritti e residenti a Gorla potevano usufruire di uno sconto del 25% o di entrate libere gratis.
Ciao, Luisa